VIVALDIANA

Da venerdì 20 dicembre
a domenica 22 dicembre 2019

VIVALDIANA
Con Spellbound Contemporary Ballet

Coreografie Mauro Astolfi
Musiche Antonio Vivaldi

Disegno luci & Set Concept Marco Policastro
Costumi Mélanie Planchard
Assistente alla coreografia Alessandra Chirulli
Foto Cristiano Castaldi

Produzione Spellbound Contemporary Ballet
in collaborazione con Les Théâtres de la Ville de Luxembourg, Orchestre de Chambre de Luxembourg con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali

VIVALDIANA | Spellbound Contemporary Ballet | Teatro Carcano | Disegno grafico Flaminio Cozzaglio | foto Martine Pinnel

NOTE DI REGIA di MAURO ASTOLFI

In questo nuovo progetto l’idea principale è lavorare ad una parziale rielaborazione ed una integrazione dell’universo di Vivaldi, compositore geniale, con alcuni aspetti della sua personalità da uomo comune, un ribelle e fuori dagli schemi. Da questa suggestione ho cercato di tradurre in movimento alcune creazioni di Vivaldi per raccontarne ancora una volta il talento e la capacità di reinventare, nella sua epoca, la musica barocca.

Vivaldi era assolutamente consapevole di andare ben oltre i limiti del proprio tempo in un mondo di razionalità, e non si preoccupava di muoversi contro corrente: in questo consiste la sua genialità. Da qui l’idea di rielaborare la sua architettura musicale cercando di restituire all’opera musicale le caratteristiche della sua unicità di musicista. L’aspetto che mi interessa e mi diverte portare in scena è la quantità di pettegolezzi che giravano all’epoca sul suo conto. Si raccontava di un Vivaldi prete che lascia improvvisamente l’altare sul quale officiava per correre in sacrestia per scrivere il suo tema, quello che aveva in mente in quel preciso momento…per poi tornare a terminare la messa. Venne denunciato all’Inquisizione, che fortunatamente lo giudicò come un musicista, cioè comunque un pazzo, e si limitò a proibirgli di celebrare la messa. In questo aneddoto ho trovato un’insuperabile fonte di ispirazione per dare forma a una ricerca in danza che accostasse i diversi aspetti dell’universo vivaldiano armonizzandone il lato prettamente artistico con le declinazioni umane più istrioniche e talvolta folli. Vivaldi fu il primo musicista che componeva col preciso intento di stimolare il gusto del pubblico. Non di assecondarlo, ma di stimolarlo.

LES THÉÂTRES DE LA VILLE DE LUXEMBOURG 

Grazie ad una programmazione incentrata sull’eccellenza qualitativa e la varietà delle proposte per rispondere alle esigenze di un pubblico in costante crescita, i Théâtres de la Ville si sono guadagnati negli anni una solida reputazione agli occhi dei loro partner internazionali, attivando numerose collaborazioni con prestigiosi enti produttivi e festival. Obiettivo dichiarato, alimentare la vitalità creativa della scena nazionale coinvolgendo attivamente i talenti locali in selezionate coproduzioni internazionali.

Notevoli sforzi sono stati compiuti per consentire ai progetti locali di affrontare tournée all’estero incoraggiando partnership con altre realtà europee. La strategica fusione tra creazioni “domestiche” e coproduzioni internazionali ha permesso al Grand Théâtre e al Théâtre des Capucins di aumentare la visibilità del Lussemburgo sia nella Grande Regione che in tutta Europa, oltre a consentire a giovani artisti lussemburghesi, debitamente sostenuti e promossi oltre confine, importanti esperienze lavorative in ambito internazionale.

Articoli e recensioni

Corriere.it

Videointervista di Emilia Costantini a Liliana Cavani per il sito del Corriere della Sera.

Sipario.it

Angelo Pizzuto per Sipario.it

Close up

Monia Manzo per Close up.

CulturaSpettacolo.it

Sergio Palumbo per CulturaSpettacolo.it

Controscena

Enrico Fiore per Controscena

IN MARE APERTO

STAGIONE 2019-20