MURO CONTRO MURO – Un progetto di Storia e Narrazione

OLIVETTI E IL PRIMO PC. La grande opportunità perduta

Lunedì 28 ottobre 2019 ore 20:30

ADRIANO OLIVETTI E IL PRIMO PC
La grande opportunità perduta
di Paolo Colombo e Luca Falciola

Con Paolo Colombo

Immagini e suoni Pietro Cuomo

Lunedì 28 ottobre 2019 ore 20:30 ADRIANO OLIVETTI E IL PRIMO PC di Paolo Colombo e Luca Falciola. Un progetto di Storia e Narrazione. Con Paolo Colombo.

LA OLIVETTI

Paolo Colombo racconta l’avventura pionieristica della Olivetti nel mondo dell’elettronica: un laboratorio di giovani talenti, i primi passi dell’informatica in Italia, la straordinaria realizzazione del primo personal computer. Sullo sfondo della storia dell’Italia degli anni ’50 e ’60 emerge un fantastico affresco della Olivetti di Adriano, fucina di sogni, di creatività e di cultura raffinata, ma anche di robusti successi commerciali a livello internazionale.

Eppure, nel ’64, si alza un vero e proprio muro all’innovazione. Chi lo vuole, e perché? L’Olivetti viene costretta ad abbandonare l’elettronica, lasciando che i frutti del genio italiano si secchino sulla pianta. Una potenziale ‘Silicon Valley’ tricolore muore appena nata.

Raccontare questa storia vuol dire sottolineare – davanti alla resistenza che il sistema economico e politico oppone al cambiamento – l’importanza del riporre fiducia nella capacità di visione di uomini illuminati, nell’intraprendenza dei giovani, negli effetti virtuosi dell’innovazione: una fiducia senza la quale le crisi paiono insuperabili. Sorge allora una domanda decisiva: cosa vogliamo davvero per il futuro del nostro Paese?

PAOLO COLOMBO

Paolo Colombo è professore ordinario di Storia delle istituzioni politiche presso l’Università Cattolica di Milano, dove insegna anche Storia contemporanea. Da anni organizza in luoghi d’eccellenza “Storia e Narrazione”, ciclo di incontri che sfidano il luogo comune secondo il quale “la storia fatta dagli studiosi è noiosa”. L’anno scorso, al Carcano, è stato protagonista del ciclo Capitani coraggiosi, il cui successo è stato stupefacente. Quest’anno torna con una nuova proposta: Muro contro muro.

Ci sono molti tipi di muro che segnano la nostra vita e la nostra storia. Muri che dividono, muri che proteggono, muri che isolano. Muri che vorremmo abbattere, muri che vorremmo costruire, muri che diventano superfici sulle quali rappresentare il nostro pensiero o i nostri sogni. Muri fuori di noi o dentro di noi.

Al tramonto del secolo scorso, dopo il 1989, abbiamo creduto che il tempo dei muri fosse finito. Invece, sorprendentemente, la nostra sembra essere un’epoca fortemente segnata dalla presenza di muri: la cronaca ne parla tutti i giorni. Per questo diventa urgente raccontare e ascoltare storie che diano ragione delle molte forme che i muri hanno assunto nella storia. Per capire meglio se e come vivere alla loro ombra, come guardarli, come interpretarli. E come abbatterli, se necessario.

Si pensa, troppo spesso, che la storia sia una monotona serie di fatti e date da ricordare a memoria. Gli incontri di Muro contro muro dimostreranno proprio il contrario: la storia è viva, emozionante, coinvolgente. Provare per credere.

MURO CONTRO MURO: un ciclo di incontri che sfidano il luogo comune secondo il quale “la storia fatta dagli studiosi è noiosa”.

Articoli e recensioni

Corriere.it

Videointervista di Emilia Costantini a Liliana Cavani per il sito del Corriere della Sera.

Sipario.it

Angelo Pizzuto per Sipario.it

Close up

Monia Manzo per Close up.

CulturaSpettacolo.it

Sergio Palumbo per CulturaSpettacolo.it

Controscena

Enrico Fiore per Controscena

IN MARE APERTO

STAGIONE 2019-20