SCUOLE MEDIE INFERIORI E SCUOLE MEDIE SUPERIORI

IL DIARIO DI ANNE FRANK

SCUOLE MEDIE SUPERIORI
Mercoledì 24 febbraio 2021
ore 10.30

SCUOLE MEDIE INFERIORI
Venerdì 26 febbraio 2021
ore 10.30

IL DIARIO DI ANNE FRANK
Adattamento teatrale di Frances Goodrich e Albert Hackett
Traduzione Alessandra Serra e Paolo Collo

Con (in ordine di apparizione)
Antonio Salines, Eleonora Tosto, Raffaella Alterio, Francesca Bianco, Veronica Benassi, Vinicio Argirò, Tonino Tosto, Susy Sergiacomo, Fabrizio Bordignon, Roberto Baldassari

Aiuto regia Martina Gatto
Scene Vito Giuseppe Zito
Costumi Annalisa Di Piero

I brani tradizionali ebraici sono cantati da Eleonora Tosto

Regia Carlo Emilio Lerici

Coproduzione Teatro Belli | Compagnia Mauri Sturno

Andato in scena al Teatro Belli di Roma a gennaio 2020 nel novantesimo anniversario della nascita di Anne Frank, Il Diario di Anne Frank è uno spettacolo rivolto soprattutto ai giovani poiché, come scritto dalla senatrice a vita Liliana Segre in una lettera indirizzata alla Compagnia del Teatro Belli diretta da Carlo Emilio Lerici in occasione del nuovo allestimento: “Tempi come i nostri purtroppo hanno ancora bisogno di eroi. Fantasmi e incubi del passato infatti non sono mai definitivamente debellati e anzi rischiano di riproporsi in forme nuove e insidiose.

La forza di questo spettacolo in questo preciso momento storico è enorme. L’odio verso il diverso ha avuto nell’Olocausto la sua massima espressione ed è imperativo che la memoria di quella tragedia venga preservata per non dimenticare le conseguenze del razzismo e il grado di crudeltà di cui è capace l’uomo.

Tratto da Il Diario di Anne Frank e vincitore del Premio Pulitzer per la drammaturgia nel 1956, il dramma teatrale di Frances Goodrich e Albert Hackett era assente dai palcoscenici italiani da diversi anni. Tra le messinscene più riuscite del passato, l’eccellente edizione del 1957 della Compagnia dei Giovani, con Anna Maria Guarnieri e Romolo Valli, e quella di Giulio Bosetti nel 1977, con Nada.

La Comunità Ebraica si è resa disponibile a collaborare alla produzione di questo spettacolo con la partecipazione di UCEI-Unione della Comunità Ebraiche Italiane, Fondazione Museo della Shoah, Centro Ebraico Italiano “G. E. V. Pitigliani”, l’Associazione Progetto Memoria e l’Associazione Figli della Shoah.

Anne Frank (1929-1945) iniziò il suo Diario da ragazza libera, secondogenita di una famiglia ebrea trasferita in Olanda, ad Amsterdam, dalla Germania per sfuggire alla crisi economica ed al crescente antisemitismo. L’occupazione nazista dell’Olanda costringerà la famiglia Frank a rifugiarsi insieme ad altre quattro persone in un alloggio segreto, ricavato sul retro dell’impresa commerciale di cui il padre Otto è titolare. Qui Anna annota gli accadimenti quotidiani dei familiari e degli altri occupanti, fino all’irruzione della polizia e alla conseguente deportazione di tutti in campo di sterminio. Anna morirà di tifo a Bergen-Belsen nel febbraio 1945.

Pubblicato nel 1947 ad opera del padre sopravvissuto, tradotto in circa settanta lingue, il Diario è un libro di culto che trabocca di passione e ironia, verità e gioia di vivere, nonché una delle testimonianze più importanti sui crimini del nazismo.

Articoli e recensioni