Tullio Solenghi

DIO È MORTO E NEANCH’IO MI SENTO TANTO BENE