SCUOLE MEDIE INFERIORI

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE | 22 novembre 2019 | Scheda didattica

Venerdì 22 novembre 2019 ore 10.00

Fantateatro
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
adattamento e regia Sandra Bertuzzi
scene Federico Zuntini – costumi Atelier Fantateatro

CON PIANOFORTE A QUATTRO MANI

Durata: 60 minuti

Per informazioni e prenotazioni:
Ufficio Promozione Scuole e Gruppi
Coordinatore: prof. Luigi Stippelli
Referente: Clarissa Egle Mambrini
tel. 02 55181362 – 02 55181377
promozione@teatrocarcano.com
facebook: carcanoscuole

Materiale didattico – Comunicazioni agli insegnanti

IL SEGUENTE APPROFONDIMENTO DIDATTICO È A CURA DELLA PROFESSORESSA LUISA MUSCILLO, DOCENTE DI ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA PRESSO L’ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE RITA LEVI MONTALCINI DI PESCHIERA BORROMEO (MI).

Rigorosamente fedele al testo di Shakespeare, l’opera è stata ridotta e parafrasata, mantenendo però intatta la narrazione legata agli innamorati e la poesia del testo. La magica atmosfera di questa celebre commedia viene evocata anche grazie all’esecuzione delle musiche di scena di Mendelssohn, suonate al pianoforte dal vivo da due musicisti, a quattro mani. 

PROPOSTA DI RIFLESSIONE

In Sogno di una notte di mezza estate il sogno è l’elemento portante e strutturale dell’opera. Nel mondo magico, Oberon e Titania vivono una crisi matrimoniale, tanto che lei, per volere del marito e per gli incantesimi di Puck, risvegliatasi dal sonno, si innamora di Bottom, artigiano e attore mediocre dalla testa d’asino. Lo stesso Bottom, riprese le sue sembianze umane, crede di aver vissuto un sogno, dal quale vorrà addirittura trarre un’opera. Quella che Shakespeare ha cercato di riprodurre è una dimensione che resta sospesa, proprio tra sogno e realtà. Si avvale della presenza del bosco, luogo in cui è possibile perdersi e poi ritrovarsi, luogo ricco di anfratti, nascondigli, vie che si snodano e della notte, momento che concilia i pensieri e che ammicca a nuovi, sconosciuti scenari.

I sogni prendono vita dalla materia umana di cui essi sono costituti e le trasmettono intensità e allo stesso tempo leggerezza. I personaggi vivono con ansia questa dimensione di torpore tipica di chi è tra il conscio e l’inconscio, ma anche con desiderio di avventurarcisi e di spingersi oltre.

PROPOSTE DI ATTIVITÁ

– “I sogni più belli si fanno di giorno, ad occhi aperti, nella piena consapevolezza delle proprie potenzialità e spinti dai propri desideri”. Cosa ne pensi a riguardo? Tu che stai vivendo una fase della vita così ricca di sogni e di speranze per il futuro, indagati e cerca di spiegare, in un testo argomentativo, cosa sono per te i sogni e quanto contano nella tua quotidianità e nella prospettiva futura.

– Nel piccolo gruppo o individualmente ricerca quei personaggi nella storia che, seguendo un loro sogno, hanno cambiato il mondo. Poi esponi la tua ricerca alla classe.

PROPOSTE DI LETTURA

  1. Gnone, Olga di carta, il viaggio straordinario, Salani Editore, 2015
  2. Rattaro, Il cacciatore di sogni. Lo scienziato che salvò il mondo, Mondadori, 2017

Articoli e recensioni

Videointervista di Emilia Costantini a Liliana Cavani per il sito del Corriere della Sera.

Angelo Pizzuto per Sipario.it

Monia Manzo per Close up.

Sergio Palumbo per CulturaSpettacolo.it

Enrico Fiore per Controscena

PROGRAMMA PER LE SCUOLE

STAGIONE 2019-20