CONTROCORRENTE – Cos’altro vi serve da queste vite? Il Congo: lo sfruttamento del ‘continente nero’

Lunedì 15 marzo 2021 ore 20.30
CONTROCORRENTE

Cos’altro vi serve da queste vite? Il Congo: lo sfruttamento del ‘continente nero’
di e con Paolo Colombo 

Un progetto di “Storia & Narrazione”

CONTROCORRENTE è realizzato grazie alla collaborazione tra
Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano
Centro di Produzione Multimediale dell’Università Cattolica
Storia & Narrazione

info@teatrocarcano.com – + 39 02 55181377 (WhatsApp)

www.teatrocarcano.com
www.storiaenarrazione.it

Paolo Colombo

Raccontare un pezzo di storia africana, quella del Congo, anche alla luce dei recenti, tragici avvenimenti costati la vita a due nostri connazionali, è un modo per puntare il riflettore su una parte di storia mondiale che si dimentica troppo spesso. Ma è anche un modo per parlare di un tema ancor più ampio: quello dell’identità ‘nera’ e dell’imposizione di modelli ‘bianchi’ a popolazioni lontanissime da essi.
Ne viene un racconto avvincente e drammatico, che parte dallo sfruttamento europeo delle terre africane, dall’ipocrisia delle versioni di comodo imposte da chi detiene il potere, dagli enormi interessi economici che ruotano attorno alle risorse minerarie africane… Un racconto che parte da lontano ma arriva dritto dritto dentro la nostra vita quotidiana di oggi.

Cos’altro vi serve da queste vite? Il Congo: lo sfruttamento del ‘continente nero’ sarà visibile in première online lunedì 15 marzo alle 20.30 sul canale Youtube ufficiale del Teatro Carcano.

Paolo Colombo, professore ordinario di Storia delle istituzioni politiche presso l’Università Cattolica a Milano, dove insegna anche Storia contemporanea, dopo due stagioni di grandi successi al Teatro Carcano, propone a marzo e aprile tre avvincenti “assaggi” online degli history telling previsti per la stagione 2020/2021: soprattutto oggi serve infatti pensare con la propria testa, recuperare la capacità di dire “no” a ciò che non ci sembra giusto, tornare ad ascoltare storie dimenticate e diverse.
Storie “controcorrente”.