L’ irrazionale leggerezza dei numeri

Teatro in Matematica

di:
Riccardo Mini
regia:
Valentina Colorni
interpreti principali:
Maria Eugenia D’Aquino
Riccardo Magherini
Annig Raimondi
Vladimir Todisco Grande

Spettacolo di TEATROINMATEMATICA
Produzione PACTA.dei Teatri – ScienzainScena

Consulenza scientifica Franco Pastrone (Università di Torino)
Collaborazione di Daniele Gouthier

Ore 19.30 Aperitivo Matematico Scoperte e notizie al rogo – con Franco Pastrone, matematico e Alessandro Da Rold, giornalista

Un matematico e un giornalista si confrontano su cause ed effetti della censura nei loro rispettivi campi per dimostrare come, secondo quanto scriveva ancora Milton: “Una verità soppressa, se è pur vero che possa talvolta venir recuperata, non lo sarà che dopo lungo volgere di anni, mentre nel frattempo debbon soffrire della sua mancanza popoli interi.”

Una morte misteriosa, un presunto naufragio: così scomparve Ippaso da Metaponto, colpevole di aver scalfito la perfetta razionalità del sistema pitagorico.

Lo spettacolo prende spunto da una probabile congiura ordita dai pitagorici per eliminare Ippaso, responsabile della divulgazione del segreto dei numeri irrazionali. I numeri irrazionali sono strani oggetti concettuali e non vi è alcun modo semplice di definirli. Pitagora, π greco, √2, sezione aurea: numeri e personaggi illustri ruotano intorno a una vicenda densa di mistero e di intrecci. I numeri contengono interruzioni, luoghi dove dovrebbe esserci qualcosa ma dove invece non c’è niente. Lo spettacolo si insinua proprio in questi spazi non misurabili facendo affiorare tracce di matematica e storia, senza tralasciare un’avvincente esplorazione nel mondo della musica, arte nella quale i pitagorici giocarono un ruolo fondamentale.

Perchè vederlo?
Perché è un’operazione originale e innovativa per diffondere la cultura scientifica utilizzando il linguaggio teatrale. Perché argomenti a prima vista ostici vengono trattati in modo conciso, chiaro e divertente. Perché l’Aperitivo Matematico prima e il dibattito dopo permettono un ulteriore approfondimento e scambio di opinioni.