Il caso, probabilmente: una partita a dadi

di:
Riccardo Mini
regia:
Valentina Colorni
interpreti principali:
Maria Eugenia D’Aquino
Annig Raimondi
Antonio Rosti
Serena Marrone

Spettacolo di TEATROINMATEMATICA
Produzione PACTA.dei Teatri – ScienzainScena

Scene di Andrea Ricci
Consulenza scientifica di Tullia Norando (Politecnico di Milano) e Alberto Colorni (Politecnico di Milano)


Ore 19.30 Aperitivo Matematico Al cittadin non far sapere quanto mente facilmente il finanziere –
con Tullia Norando e Elio Piazza, matematici

Due matematici/statistici discutono di come vengano veicolate, soprattutto dai media, informazioni cui viene attribuito valore scientifico. E invece si tratta di emerite falsità, commesse consapevolmente, ma anche inconsapevolmente.

Un noir metropolitano, con le caratteristiche dei classici del fumetto, che passa in rassegna tutti i possibili esiti di un evento, tutte le possibili strade di una storia, come succede nel calcolo delle probabilità. Gli attori sono giocatori di una partita: entrano nel campo da gioco ed è come se ogni scena fosse un lancio di dadi che determina un vincitore e un perdente. Ma si può rifare la partita e lanciare i dadi di nuovo: l’esito sarà diverso e la storia prenderà un’altra strada. Come in un albero delle decisioni, noi seguiamo le storie parallele in una commedia della ripetizione in cui comprendere le leggi del caso è l’unica arma che resta alla protagonista per cessare di esserne vittima.

Perchè vederlo?
Perché è un’operazione originale e innovativa per diffondere la cultura scientifica utilizzando il linguaggio teatrale. Perché argomenti a prima vista ostici vengono trattati in modo conciso, chiaro e divertente. Perché l’Aperitivo Matematico prima e il dibattito dopo permettono un ulteriore approfondimento e scambio di opinioni.